Approfondimento
Storia della G. Vella & figlio Graniti.
Nel 1890 Giuseppe Vella emigrò negli Stati Uniti d'America, con il sogno di fare fortuna e di poter ritornare al suo paese natale. Con molto spirito di adattamento si improvvisò mandriano e cercatore d'oro; fortuna volle che qualche pepita finisse nelle sue mani, tanto da permettergli di rientrare in Italia, e di fondare nel 1900 la ditta che ancora oggi porta il suo nome.
Inizialmente l'azienda si occupava dell'estrazione della sola Sienite della Balma e della sua trasformazione in prodotti lavorati a mano. Erano gli anni degli scalpellini, anni in cui gli unici aiuti offerti dalla tecnologia a questo duro lavoro erano martello e scalpello. Il lavoro indefesso gli fece ottenere l'importante riconoscimento del cavalierato nel 1936, mentre la sua accortezza gli permise di far prosperare l'attività e di diffondere la Sienite a livello nazionale.
Nel 1925 il figlio di Giuseppe Egidio, si sposa con Wally Adami, appartenente alla famiglia che gestiva una delle più importanti cave di granito del Lago Maggiore, conosciuta grazie ai rapporti di lavoro tra le due ditte.
Nel 1927 Egidio entra a far parte della società e la sua lungimiranza portò al trasferimento della sede della ditta dalla Balma ad Andorno Micca nel 1951: Lui capì che era necessario dare un'impronta fortemente industriale ad un lavoro che fino ad allora era sempre stato quasi esclusivamente manuale. Creò un'impianto che fece scuola per anni, visitato dagli stessi concorrenti che, con l'umiltà di un tempo, guardavano a lui ed alla sua creazione con rispetto e deferenza, considerandolo un esempio da emulare più che un avversario da sconfiggere. Il tempo lo premiò per la sua intraprendenza ed il suo spirito di iniziativa: arrivarono le commesse prestigiose, come la statua di San Michele Arcangelo per il cimitero di Chicago, Illinois, U.S.A., o la realizzazione della colossale sede della Banca Popolare di Novara, a Novara. Gli impianti erano i più avanzati dell'epoca, ma la tecnologia continuamente migliora se stessa; di conseguenza i macchinari,per quanto duraturi, sarebbero stati superati inevitabilmente da altri più avanzati.
Nel 1950, in occasione del cinquantenario dalla fondazione della Ditta Vella, giunse anche la premiazione con medaglia d'oro dalla Camera di Commercio di Vercelli per il progresso economico e la fedeltà al lavoro.
La continua evoluzione era un punto cardine per la mentalità del Cav. Egidio, e ne sono la prova il costante inserimento di macchinari nuovi e più efficienti e l'ampliamento dello stabilimento del 1958. Dal 1968 la direzione è passata nelle mani del figlio di Egidio, Giuseppe, che consapevole dell'importante eredità ricevuta ha guidato e guida tutt'ora l'azienda di famiglia con profondo rispetto per le radici e con grande attenzione alle innovazioni che la tecnologia ha apportato a beneficio di questo lavoro: sotto la sua direzione è stato realizzato un ampliamento dello stabilimento nel 1990, e sono stati introdotti i macchinari più avanzati disponibili sul mercato, dal telaio multilama alle frese computerizzate, dalla lucidatrice a nastro fino al centro di lavoro a controllo numerico: questo rappresenta il punto più elevato della tecnologia applicata oggi a questo settore, con i suoi 5 assi interpolati che permettono lavorazioni di estrema precisione su pezzi di grandi dimensioni.
Inoltre, per diminuire sempre più l'impatto ambientale dell'attività, dal 2000 è stato installato un potente impianto di depurazione per il riciclo dell'acqua, in modo da ridurre a zero il consumo di acqua potabile per i cicli di lavorazione; dal 2011 è in funzione un impianto fotovoltaico per la produzione di 80 Kwp, che permette la riduzione delle emissioni in atmosfera di anidride carbonica e di ossidi di azoto (in particolare la riduzione di CO2 è pari a 62,325.00 Kg annui, mentre la riduzione di NOX è pari a 139.00 Kg annui), nonché una diminuzione del consumo di combustibili fossili che si attesta sulle 21,3 Tep (tonnellate equivalenti di petrolio) annue.
Giuseppe Vella è oggi affiancato dai suoi due figli, Alessandro e Federico, che rappresentano la 4a generazione di famiglia alla guida della ditta.
Torna indietro

Dal 1900

Reg. Imp. Biella REA BI 143247 - Cap.Soc. Euro 80.000,00 I.V. - Sito Web SoftPlace s.r.l.